L'isola che canta

 
August 14, 2019
Caldana

Piccolo viaggio attraverso il Novecento coreano
 

Concerto con letture e performance

 

Won Jung Pae, soprano

Maurizio Carnelli, pianoforte

La cultura della Corea è poco conosciuta in Italia, ad eccezione forse degli ambienti di cinefili che hanno amato i film di Kim Ki-Duk. Quando si esplora un pianeta sconosciuto, bisogna trovare una porta d’accesso.

 

Il soprano Won Jung Pae e il pianista Maurizio Carnelli ci portano dentro un mondo inesplorato di armonie gentili, caute ma all’occorrenza sorprendenti e mai scontate. Il Novecento non è stato un fenomeno esclusivamente europeo.

 

Questo programma è una rassegna di composizioni che danno un’idea di quel fertile laboratorio di sintesi fra canoni occidentali e tradizioni asiatiche che è stato il secolo passato in Corea.

 

Il programma si articola intorno a tre temi – Memoria, Passione e Nostalgia – e sette compositori del Novecento.

 

Memoria

  • Doo Nam Cho – 조두남 (1912 – 1984) 

    • Villaggio di montagna – 산촌

  • Hyo Kun Kim – 김효근 (1960 – ) 

    • Mille Venti

 

Passione

  • Dong Hee Jung

    • Il viaggio del salmone

  • Soon Nam Kim – 김순남 (1917 – 1986) 

    • Azalee – 진달래꽃 Fiori di montagna

 

Nostalgia

  • Dong Jin Kim – 김동진 (1913 – 2009) 

    • Narciso 

    • ShinArirang – 신아리랑 (variazione su un tema popolare)

  • I Sang Yun – 윤이상 (1917 – 1997) 

    • Costume antiquato – 고풍의상

  • Young Sub Choi – 최영섭 (1929 – ) 

    • Le nostre amate montagne Guem Gang – 그리운금강산

 

Ai brani musicali si alternano letture di poesie di Ko Un (1933), una delle figure più rappresentative della scena letteraria e poetica della Corea del Sud, più volte candidato al Nobel. Eccone un piccolo saggio.

 

Una Nave

 

Nel profondo del mio cuore l'orizzonte.

È lì che ti custodisco.

Per sempre

Fra te e me partirà una nave.

Parte una nave che non torna.

Non torna.

Non torna.

 

Alla finestra

 

Cos'altro potrei sperare?

Esistono luoghi lontani.

Esistono luoghi vicini.

 

Lo stretto di Cheju

 

Ora se mare, onda dopo onda.

Un tempo non lo sei stato.

Un giorno

Non lo sarai più.

Tu, onda, tante risposte prima ancora delle domande.

 

---

 

Ko Un, da L’isola che canta, antologia poetica 1992-2002, traduzione di Vincenzo D’Urso, ed. Lieto Colle 2009.

--

Won Jung Pae, soprano, nata a Seoul, si è laureata in canto lirico alla Korean National University of Arts. In Italia si è diplomata al  Conservatorio P. Mascagni di Livorno, alla Scuola Civica Claudio Abbado di Milano e all’Accademia Donizetti, specializzandosi inseguito con numerosi musicisti tra i quali Dalton Baldwin e Claudio Desderi.

 

Ha vinto il primo premio assoluto nei concorsi di Ravenna, Conegliano Veneto (Premio Tirindelli), Maccagno, e si è classificata al secondo posto al prestigioso concorso di Gorizia nella categoria speciale dedicata a G. Gershwin. Si è esibita nei teatri Alighieri di Ravenna, Università Statale e Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, Teatro Dal Verme di Milano (con l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali), Università Statale di Milano, Teatro Donizetti di Bergamo (Festival Donizetti), Festival Umberto Giordano di Baveno, Teatrino di Villa Reale di Monza, Festival estivo Notturni in Villa, al Seoul Art Center con la Seoul Symphony Orchestra e al Cheong Ju Art Center.

 

Ha collaborato con Giorgio Gaslini per quanto riguarda il repertorio americano, e successivamente è stata invitata al Festival della Lomellina ed al prestigioso Museo del ‘900 di Milano per un concerto di musiche americane, da Gershwin a Cole Porter. Per Expo 2015 è stata invitata a Milano da Milano Classica a tenere un concerto in Palazzina Liberty in collaborazione con il Consolato Generale di Corea in Italia.

 

Attualmente è docente a Korea National University of Arts, Hyanyang women’s University e al Myong Ji College a Seoul.

 

Maurizio Carnelli, ha studiato pianoforte, composizione e direzione d’orchestra al Conservatorio di Milano con celebri maestri quali Antonio Ballista, Bruno Canino, Franco Donatoni, Azio Corghi, perfezionandosi in seguito con Vincenzo Vitale, e si è laureato in filosofia all’Università Statale di Milano. Musicista dai vasti interessi, nel corso della sua carriera ha tenuto concerti in prestigiose sale quali il Teatro alla Scala, il Teatro Lirico ed il Conservatorio di Milano, il Teatro Regio di Torino, il Carlo Felice di Genova, il Ponchielli di Pavia, l’Olimpico di Roma, la Sala Nervi di Città del Vaticano, Sala del Parlamento di Budapest, Kongresshaus di Luzern, Ishibashi Memorial Hall, Ginza Oshi Hall, Toshi Center Hall di Tokio, Seongnam Art Center , Cheonju Art Center a Seul.

E’ spesso ospite di festival quali Rossini Opera Festival (Pesaro), Festival Donizetti (Bergamo), Tokio Spring Festival. Ha collaborato con numerosi artisti quali Giuseppe Di Stefano, Alfredo Kraus, Nicola Martinucci, Lucia Valentini Terrani (con cui ha vinto il premio CD Classica), Luciana Serra, Janet Perry, Bruno De Simone, Paolo Bordogna, Christian Senn, Alberto Zedda, Romano Gandolfi, Carlo Balzaretti, Giorgio Gaslini, Giorgio Albertazzi, Fanny Ardent.

Insegna alla Civica Scuola Claudio Abbado di Milano, tiene master classes in prestigiose università orientali (Hanyang, Korean National University of Arts di Seul), ed è spesso in giuria in concorsi internazionali.  Ha collaborato per più di dieci anni con Radio Tre (oltre trecentocinquanta trasmissioni), Rai 1 (oltre trenta trasmissioni televisive) eRai 2. Ha registrato un doppio cd su musica e poesia italiana edito dalla Presidenza della Repubblica Elvetica, ed ha curato numerose pubblicazioni edite da Casa Ricordi. Nel 2011 ha fondato l’Associazione Acitko, che ha rappresentato la Corea a Milano per EXPO 2015 e che dal 2011 organizza il Concorso Internazionale Maria Malibran. Dal 2016 è direttore artistico di World Opera Festival in Seul.

© 2019 website design by jungmee kim